Memoria

La musica tra gli sfollati

I campi per sfollati ospitavano un'ampia gamma di attività musicali. Le vittime sopravvissute del genocidio nazista usavano la musica come mezzo per raccontare le loro esperienze, sollevare il loro spirito e immaginare un futuro possibile dopo la catastrofe.

Continua a leggere

Musica per eventi commemorativi

La musica ha avuto un ruolo nella commemorazione dell'Olocausto anche prima della liberazione di Auschwitz-Birkenau il 27 gennaio 1945. Le commissioni storiche ebraiche in Germania e Polonia hanno raccolto le canzoni scritte durante l'Olocausto e le hanno conservate in forma scritta o registrata.

Continua a leggere

Memoriale di Babi Yar

Nel 1962, il poeta russo Evgeny Evtushenko visitò il sito di Babi Yar, una profonda gola a nord-ovest di Kiev, dove nel settembre 1941 circa 70.000 ebrei furono giustiziati dai soldati nazisti. Evtushenko tornò nella sua stanza d'albergo e scrisse immediatamente una poesia commemorativa il cui primo verso recitava: "Non ci sono monumenti su Babi Yar, il ripido precipizio, come una tomba sgrossata".

Continua a leggere

Treni diversi - Steve Reich

Steve Reich ha selezionato clip sonore attraverso il campionamento digitale e le ha poi organizzate in una narrazione semi-coerente, che si divide in tre movimenti: America, prima della guerra", "Europa, durante la guerra" e "Dopo la guerra". In tutti i casi, le testimonianze parlate sono accompagnate da un quartetto d'archi.

Continua a leggere

Campo DP di Bergen-Belsen

Il Kazet-Theater (Teatro del Campo di Concentramento) era diretto dall'attore e regista Sammy Feder e comprendeva fino a 50 attori, alcuni dei quali avevano già accumulato esperienza e lavorato con Feder nel ghetto di Bendin e nel campo di concentramento di Bunzlau.

Continua a leggere

David Botwinik

Compositore

David Botwinik is a composer of Yiddish music and a music teacher. At the age of almost 13, he began his studies at the Yidisher muzik-institut conservatory in Vilna. Later, he studied at the Conservatorio di Musica Santa Cecilia, Rome, Italy.

Mieczyslaw Weinberg

Compositore

Il prolifico compositore sovietico Mieczysław Weinberg (1919-1996) ha scritto 22 sinfonie, 17 quartetti d'archi, 7 opere, 6 concerti, 3 balletti, 30 sonate e più di 200 canzoni, oltre a 60 colonne sonore per film e musiche di scena per teatro e circo.

Mikhail Gnessin

Compositore

Mikhail Fabianovich Gnessin è stato un compositore e insegnante ebreo russo. Le opere di Gnessin "I Maccabei" e "La giovinezza di Abramo" gli valsero il soprannome di "Glinka ebreo".

Steve Reich

Compositore

In Different Trains (1988), Steve Reich presents a semi-autobiographical account of the Holocaust, electronically interweaving his memories as a Jewish child in the 1940s with those of Holocaust survivor children who later recorded their testimonies.

Memoria

Canzoniere Deggendorf

Il "canzoniere di Deggendorf" illustrato è un manufatto affascinante e un documento visivo della vita culturale e della riabilitazione sociale nei campi DP.

Politica e propaganda
Memoria

Jojo Coniglio

Esplora l'accoppiamento tra simbolismo visivo e musicale, concentrandosi sul modo in cui il film Jojo Rabbit utilizza la musica popolare e le icone visive e vocali dell'Olocausto.

Memoria

La musica tra gli sfollati

I campi per sfollati dell'Europa occupata del dopoguerra ospitavano una vasta gamma di musiche utilizzate come mezzo per raccontare ciò che avevano vissuto.

Memoria

Music in Nazi Camps - Exhibition Review

A review of the Paris exhibition, Le Musique dans les camps nazis, curated by Elise Petit.

Memoria

La musica nel campo di prigionia di Bergen-Belsen

Le forze britanniche stabilirono un campo DP a Belsen, che rimase in funzione fino al 1950. Fiorirono concerti, teatro, danza, musica popolare e altri generi di intrattenimento.

Memoria

On a heym, on a dakh ♫

On a heym, on a dakh (Without a home, without a roof) is a song that the 19 year old survivor, Ludwig Hamburger, learned while interned in Buchenwald.

Nome
Artista
Categoria
Durata
Testi

1940.
Il giorno del mio compleanno
I tedeschi entrarono a piedi in Olanda
I tedeschi invasero l'Ungheria
Ero in seconda elementare
Avevo un insegnante
Un uomo molto alto, la sua testa era completamente ingessata
Disse: "I corvi neri...
I corvi neri hanno invaso il nostro paese molti anni fa".
E indicò proprio me
Niente più scuola
Devi andare via
E lei disse: "Presto, vai!".
E lui disse: "Non respirare".
Nei carri bestiame
E per quattro giorni e quattro notti
E poi attraversammo...

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

L'idea del pezzo viene dalla mia infanzia. [A causa del divorzio dei miei genitori, dal 1939 al 1942 ho viaggiato spesso in treno tra New York e Los Angeles. [...] Se all'epoca questi viaggi erano eccitanti e romantici, ora mi guardo indietro e penso che, se fossi stato in Europa in quel periodo, come ebreo avrei dovuto viaggiare su treni molto diversi. Con questo pensiero, ho voluto realizzare un'opera che riflettesse accuratamente l'intera situazione.

Tradotto con www.DeepL.com/Translator (versione gratuita)

'Heveti shalom aleykhem' (I bring you greetings of peace), also often titled in the plural, is one of the best-known and -loved Hebrew folk songs. In this rare recording it is sung by surviving Polish children in postwar France, in a recording taken by the Latvian-American psychologist David Boder in September 1946.