Karl Weigl (1881-1949)

Pochi compositori ebrei emigrati possono essere identificati con lo spirito del Romanticismo viennese di fine secolo tanto quanto Karl Weigl. Da giovane studiò pianoforte con Alexander Zemlinsky, fu istruito alla composizione musicale da Robert Fuchs e lavorò come accompagnatore musicale (repetiteur) per Gustav Mahler. I suoi primi lavori furono eseguiti con frequenza regolare in tutta Europa e furono anche trasmessi alla radio ed elogiati sia dagli ascoltatori tradizionalisti che dai modernisti. Arnold Schoenberg disse:

“L'ho sempre considerato come uno dei migliori compositori della vecchia generazione, uno che ha continuato la degna tradizione viennese... egli conserva veramentel’antica cultura dello spirito musicale che è una delle parti migliori della cultura viennese”.

Come ha fatto un così affermato tedoforo della musica viennese a passare dall'essere un nome affermato in Europa al lavorare come insegnante saltuario negli Stati Uniti? La storia di Karl Weigl è un altro esempio di come i nazisti abbiano alterato il canone musicale della musica classica dell'inizio del XX secolo attraverso i loro incauti tentativi di rimodellare i paesaggi "razziali" dell'Europa.

Karl Weigl nacque il 6 febbraio 1881 a Vienna, in un periodo di rinnovamento per la città.

Ha avuto, nel primo distretto di Vienna, Gumpoldstrasse, dove abitava, un'educazione di stampo borghese. Suo padre Ludwig lavorava come impiegato di banca e sua madre Gabrielle Stein-Jeitteles gestiva la casa. Entrambi erano appassionati amanti della musica. Questo amore passò a Karl, che iniziò a comporre all'età di 11 anni, completando tre brevi opere per pianoforte nel 1892 (Gavotte Op.1, Weinachtenlied (Canto di Natale) Op.2, Valse lente Op.3). Quattro anni dopo, per volere di sua madre, Karl iniziò a prendere lezioni private di musica con un amico di famiglia, Alexander Zemlinsky. Questa frequentazione ebbe una certa influenza nel formare l'estetica compositiva di Weigl.

Weigl completò la sua prima educazione al K.K. Franz-Joseph Gymnasium nel 1899 e si iscrisse all'Università di Vienna, dove studiò musicologia con il professor Guido Adler, e al Conservatorio per le arti dello spettacolo (Koservatorium der Gesellschaft der Musikfreunde). Al conservatorio, Weigl si concentrò sui suoi studi di pianoforte con Anton Door, di teoria musicale con Hermann Door e di composizione con Robert Fuchs, tra i cui ex-studenti c'era una folta schiera di compositori come Gustav Mahler, Franz Schreker, Hugo Wolf, Franz Schmidt e Alexander Zemlinsky. Weigl ricevette il suo diploma di pianoforte nel 1901. L'anno seguente si diplomò in composizione e ricevette la medaglia d'argento Zusnerlieder Preis per la sua composizione Im Grünen (In campagna). Nel maggio 1903 Weigl ottenne il suo dottorato dopo aver completato con successo la sua tesi sul compositore Emanuel Aloys Föster.

Il talento di Weigl come musicista fu subito evidente e nel 1904 fu assunto da Gustav Mahler come accompagnatore musicale (repetiteur) all'Opera di Corte di Vienna, posizione che mantenne per due anni. Weigl andava intanto affinando le sue capacità compositive e si unì al’effimero gruppo di compositori, Vereinigung Schaffender Tonkünstler (La Società dei Musicisti Creativi) fondata da Schoenberg, Zemlinsky e Oskar Posa. L'appartenenza al gruppo gli fornì contatti fondamentali nel mondo della musica. Un esempio dell'influenza del gruppo su di lui è evidente nella prima del suo Quartetto per archi n. 1, che fu eseguita dal famoso Quartetto Rosé su consiglio di Schoenberg.

Weigl produsse numerose composizioni nelle prime fasi della sua carriera, ma il 1910 che si distingue come un anno particolarmente significativo. Nel 1910, infatti, Weigl ricevette il premio Beethoven dalla Gesellschaft der Musikfreunde (Società degli amici della musica) per il suo Quartetto per archi n. 3 in La maggiore, op. 4. Nel maggio, sempre di quell’anno, all'ADMV Tonkunstlerfest tenutosi a Zurigo, la sua Sinfonia n. 1 in Mi maggiore, op. 5l, ottenne l'attenzione internazionale e un contratto decennale con l'editore Universal Edition. E, sempre nel 1910, l'amicizia professionale di Weigl con l'interprete e cantante di musica moderna Elsa Pazeller divenne una relazione romantica e i due si sposarono nel novembre di quell’anno. La coppia ebbe una figlia, Maria, l'anno seguente, ma ilmatrimonio non doveva durare e essi divorziarono nel 1913.

Allo scoppio della prima guerra mondiale, la carriera di Weigl subì una battuta d’arresto nel periodo in cui egli prestava servizio di leva. A causa della sua scarsa vista, i suoi incarichi consistevano principalmente in lavori d'ufficio a Vienna, Karlovac e Zagabria. Dopo la fine della guerra nel 1918, Weigl tornò alla sua carriera a Vienna. Ricevette un apprendistato in contrappunto e composizione al Nuovo Conservatorio di Vienna e prese in carico alcuni studenti privati. Uno di questi studenti fu la pianista, compositrice e musicoterapeuta Vallerie (Vally) Pick che Weigl sposò poi nel 1921.

Tre anni dopo, le composizioni di Weigl ottennero un ulteriore riconoscimento quando egli vinse il premio culturale della città di Vienna. Tra i premiati di quell'anno vi furono anche Alban Berg, Anton Webern e Franz Schmidt. Dal 1925, Weigl fu in grado di concentrarsi principalmente sulla composizione e molte delle sue opere entrarono sotto contratto con le maggiori case editrici europee tra cui Schott, Universal Edition e Strache mentre le sue opere orchestrali venivano riprese da importanti direttori come Franz Schreker, George Szell e Wilhelm Furtwängler. Anche le sue opere strumentali da camera divennero sempre più popolari e furono eseguite da importanti ensemble come i quartetti Busch, Rosé e Havemann. In mezzo a questi successi professionali ,nel 1926, Vally e Karl accoglievano la nascita dell loro unico figlio, Johannes Wolfgang.

Nei sette anni successivi, Weigl continuò il suo 

cammino di successi nei circoli compositivi e accademici. Nel 1929 ricevette il titolo onorario di professore dal governo austriaco e succedette al compositore Hans Gál come maestro di teoria e di composizione all'Institut für Musikwissenschaft (Istituto di Musicologia) dell'Università di Vienna.

La traiettoria ascendente di Weigl fu improvvisamente interrotta all’inizio del 1933, quando Adolf Hitler salì al potere e iniziò a promuovere una legislazione antisemita. Le esecuzioni musicali delle opere di Weigl diminuirono drasticamente in tutta la Germania e l'Austria. Le stesse case editrici che avevano precedentemente sostenuto il suo lavoro cominciarono ora a lasciare che i suoi pezzi andassero ‘fuori ristampa’ e ignorarono del tutto le sue nuove composizioni. Come conseguenza di ciò Weig, per compensare la perdita di entrate, fu costretto ad aumentare il tempo dedicato all’ insegnamento. Ma nel giro di un anno, la sua cattedra gli venne tolta e Weigl fu costretto a fare affidamento quasi esclusivamente all’ insegnamento privato. Nonostante queste difficoltà, riuscì comunque a far pubblicare il suo Quartetto per archi No.5 in Sol Maggiore, Op.31 nel 1936.,Ma questo sarebbe stato l’ultimo suo lavoro pubblicato in Europa mentre egli era in vita..

I Weigl, come molte famiglie ebree in Austria, sembravano ritenere che gli effetti delle politiche sempre più antisemite della Germania sarebbero stati ampiamente evitabili finché essi fossero rimasti fuori dal paese tedesco . Tuttavia, questo falso senso di sicurezza venne meno dopo l'annessione dell'Austria da parte della Germania, il 12 marzo 1938. Solo due giorni prima, Pictures and Tales Suite di Weigl fu eseguita dalla Wiener Konzertorchester. Ma questa rappresentò, per molti anni, l'ultima esecuzione austriaca di una qualsiasi delle sue opere i.

Con l'Austria ormai assorbita dal Reich tedesco, le leggi antisemite furono codificate anche nella legge austriaca. E le molestie antisemite divennero sempre più comuni. Nel maggio 1938, la cognata di Wiegl, May Leichter, fu arrestata in una delle frequenti retate naziste di dissidenti. Poco dopo, la famiglia iniziò il complesso e costoso processo di emigrazione. Tra le montagne di documenti richiesti per le domande di emigrazione, il governo nazista richiedeva anche un certificato di autorizzazione fiscale e un permesso di uscita. Inoltre, molti paesi ospitanti richiedevano affidavit -garanzie scritte che assicurassero che qualcuno all’interno del paese ospitante sarebbe stato finanziariamente responsabile per i richiedenti. I Weigl contattarono ogni possibile conoscente all’estero per assicurarsi questi documenti vitali. Una risposta dell'americano Frederick Jacobi evidenzia le difficoltà di una tale richiesta. In una lettera ai Wiegl, egli affronta la situazione del lavoro in America, avvisandoli che

“dovete essere preparati a notevoli difficoltà e ad un'attesa forse di un considerevole lasso di tempo prima di trovare qualcosa”.

Nei mesi estivi del 1938, i Weigl continuarono il loro invio di lettere alla ricerca di chiunque potesse aiutarli. La loro ricerca li condusse a diversi conoscenti che erano in grado e di aiutarli nel processo di emigrazione e di fornire loro aiuti finanziari. Questo gruppo includeva lo storico economico Antonie Stolper, Irene Wiley e suo marito John, console americano a Vienna. Irene aveva anche aiutato Sigmund Freud nella sua fuga da Vienna. L'affidavit stesso fu firmato da qualcuno che i Weigl non avevano mai incontrato, l'appassionato di musica americano e VP dei grandi magazzini Bloomingdale's, Mr. Ira Hirschmann. Molto più tardi il supporto fu fornito dal Centro Quacchero Internazionale di Vienna.

Con i documenti in ordine, il 15 settembre 1938 i Weigl iniziarono l'arduo viaggio attraverso la Svizzera e la Francia fino a Southampton, in Inghilterra, dove si imbarcarono sulla SS Statendam il 1° ottobre. Karl e Vally non misero più piede in Europa.

ESILIO

L'arrivo dei Weigl a New York City il 9 ottobre fu dolceamaro. Mentre venivano accolti calorosamente e godevano del sostegno di varie organizzazioni umanitarie, arrivarono notizie da Vienna che annunciavano la morte della madre di Karl. Poco dopo il loro arrivo, il loro figlio Johannes fu mandato dai Weigl a vivere con una famiglia quacchera adottiva nel Connecticut mentre i Weigl cercavano un lavoro. Ma questa sistemazione e la loro separazione alla fine divennero permanenti , a parte le visite durante le vacanze. Nel settembre del 1939, sia Karl che Vally si erano procurati un lavoro part-time e studenti privati e furono così in grado di affittare un appartamento a Manhattan vicino al Central Park. Rimasero al 55 West 95th Street per il resto della loro vita.

Karl ricominciò anche a comporre. Due delle prime opere composte negli Stati Uniti - entrambe opere canore - furono giustamente intitolate 'The Glorious Vagabond' e 'The Refugee'. In questo primo anno compose anche diversi lavori strumentali, tra cui un pensiero alla sua casa Tänze aus Wien (Danze da Vienna) per orchestra, il Quartetto d'archi No.6 in C Major e il suo Piano Trio per violino, violoncello e pianoforte dedicato a Ira Hirschmann.

Nei dieci anni seguenti, Karl lavorò in una successione di posti diversi di insegnamento, la maggior parte dei quali temporanei. Il primo fu un posto part-time alla Hartt School of Music di Hartford, Connecticut. Nel 1941, passò all'insegnamento presso la West Side YMCA di New York City e l'anno seguente ottenne un posto part-time come assistente editoriale e di ricerca alla New York Public Library. Le costanti difficoltà finanziarie rendevano difficile trovare il tempo per comporre, ma in una svolta fortunata, sia lui che Vally furono invitati a risiedere alla colonia di artisti MacDowell nei mesi estivi del 1942 e del 1943.

Queste pause i tanto necessarie furono fugaci e nell'autunno del 1943 Karl lavorò di nuovo come professore supplente, questa volta al Brooklyn College. Mantenne questa posizione fino al 1945. La fine della seconda guerra mondiale portò ai Weigl la possibilità di fare un bilancio degli anni precedenti. Dopo essere fuggiti dal loro paese d'origine, erano riusciti a trovare sicurezza negli Stati Uniti ed erano diventati cittadini americani nel 1944. Sfortunatamente,il successo di Karl in Europa non si trasferì così facilmente in America e i Weigl dovettero affrontare anni di instabilità finanziaria e la perdita di molti familiari e amici. Questi fattori, insieme ai continui cambiamenti i da un incarico di insegnamento all’altro, cominciarono a manifestarsi sotto forma di una serie di problemi di salute per Karl.

Questi problemi furono esacerbati quando egli assunse la posizione di Direttore di teoria musicale al Boston Conservatory of Music nel 1945. Questo incarico richiedeva viaggi settimanali tra New York City e Boston, mettendo ulteriormente a dura prova la già fragile salute di Weigl. Quando le sue condizioni peggiorarono, nel 1948, Weigl lasciò il Conservatorio di Boston e prese un posto all'Accademia di Musica di Filadelfia. Anche se il viaggio a Filadelfia durava circa appena la metà delle escursioni a Boston, la salute di Weigl continuò comunque a declinare dalla fine del 1948 al 1949 con problemi di cuore e anemia cronica. Nonostante le sue gravi condizioni di salute, egli continuò a comporre e nel maggio 1949 completò il suo Quartetto per archi n. 8. Appena pochi mesi dopo il completamento dell'opera, Karl Weigl morì a 68 anni l'11 agosto 1949.

MUSICA ED EREDITÀ

Anche se Karl Weigl è riconosciuto prima di tutto come compositore, i suoi contributi di insegnamento hanno lasciato un'impronta indelebile nella musica occidentale del XX secolo. Gli studenti di Weig, nel periodo in cui egli insegnava in molte importanti università, includevano alcune delle principali voci del canone occidentale, tra cui, tra molti altri, Erich Korngold, Kurt Roger, Hanns Eisler e Erich Zeisl, ,.

L'estetica compositiva di Weigl è radicata nella tradizione mitteleuropea ed è rappresentativa del Romanticismo austro-germanico di fine secolo, prevalente nella Vienna di inizio secolo. Molte delle sue opere orchestrali mostrano somiglianze con le grandi forme strutturali di Bruckner. Il suo ex insegnante Robert Fuchs apporta un'influenza musicale allo stile romantico viennese di Weigl che altri importanti contemporanei, Zemlinsky, Schreker e Schoenberg, hanno abbandonato entrando nell'ambiente modernista della Repubblica di Weimar a Berlino. Anche Brahms ha un'influenza nello stile compositivo di Weigl. Nelle sue stesse parole,

“Gli devo la purezza della tecnica compositiva e la serietà del lavoro tematico e, non ultimo, una nuova conoscenza dei maestri con i quali lui stesso aveva studiato - Haydn, Mozart, Handel, Bach e i compositori vocali più anziani”.

Molte delle sue opere sono state eseguite dalle più importanti orchestre europee, dirette da artisti del calibro di Bruno Walter, Wilhelm Furtwängler e Leopold Stokowski. In totale, la produzione di Weigl consiste in sei sinfonie, otto quartetti d'archi e numerose opere orchestrali, da camera e per pianoforte. Fu anche un prolifico compositore per voce. I lavori vocali includono la sua opera Der Rattenfänger von Hameln (L'acchiapparatti di Hamelin) op. 24 (1932), composizioni corali e una grande collezione di lieder, romanze, che abbraccia tutta la sua vita.

Al suo apice compositivo, le sue opere furono elogiate da artisti del calibro di Mahler, Schreker, Zemlinsky, Richard Strauss e Schoenberg, che, pur lodandolo come uno dei migliori compositori della sua generazione, consideravano lo stile di Weigl come una reliquia della vecchia cultura musicale viennese, . I suoi importanti contributi alla musica classica occidentale sono un pezzo essenziale del più grande puzzle della musica del primo Novecento e ora vengono riconosciuti e rivalorizzati dopo decenni di abbandono.

Ryan Hugh Ross

FONTI

Juliane Brand, "Karl Weigl: A Biographical Overview," Karl Weigl Foundation website, Accessed 25 June 2021, URL: www.karlweigl.org

Juliane Brand, "Gli ultimi anni di Karl Weigl, 1938-1949: A Story of Perseverance", sito web della Fondazione Karl Weigl, Accesso 25 giugno 2021, URL: www.karlweigl.org

Juliane Brand, ed. Claudia Maurer Zenck, Peter Petersen, Sophie Fetthauer, "Karl Wiegl" in Lexikon verfolgter Musiker und Musikerinnen der NS-Zeit, Hamburg: Universität Hamburg, 2007, Accesso 25 giugno 2021, URL: www.lexm.uni-hamburg.de/object/lexm_lexmperson_00002688

Charlotte Erwin, rivisto da Michael Meckna, "Karl Weigl", Grove Music Online. Oxford University Press. 2001. Accesso 25 giugno 2021, URL: doi.org/10.1093/gmo/9781561592630.article.30029

"Indagine cronologica sulla vita di Karl Weigl, 1881-1949," sito web della Fondazione Karl Weigl, Accesso 1 luglio 2021, URL: www.karlweigl.org

Michael Haas, "The Jugendstil School of Schoenberg, Schreker, Zemlinsky and Weigl", in Forbidden Music : The Jewish Composers Banned by the Nazis, Yale University Press, 2013, pp.80-98.

Walter Frisch, Kevin C. Karnes, "Brahms and the Newer Generation: Personal Reminiscences by Alexander von Zemlinsky and Karl Weigl," in Brahms and His World (Revised Edition) Princeton University Press, p.425-29, 2009, accessibile il 9 luglio 2021 via JSTOR, URL: www.jstor.org/stable/j.ctt7rxmx.25